Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.
06 Marzo 2022 11:00 Esporta in Calendario

Teatro Verdi

via dei Livello, 32
Padova, Pd 35139 Italia

Esporta la mappa

Programma

Marzo 6 @ 11:00 - 12:30

È Paola Severino, giurista ed ex-ministra della Giustizia la protagonista di Libertà e giustizia, l’incontro che apre il ciclo di eventi Lezioni sulla libertà.
Si tratta di quattro incontri dedicati al tema della libertà, approfondito attraverso differenti prospettive.

Dopo il suo intervento, Severino dialoga con Giuseppe Zaccaria filosofo del diritto ed ex rettore dell’Ateneo di Padova. A chiudere l’incontro, la lettura di testi a opera delle studentesse e degli studenti della scuola del Teatro Verdi.

La lectio magistralis della professoressa Severino è dedicata all’analisi del tema del rapporto tra libertà e giustizia, con particolare riferimento al sistema penale.
La lectio, a partire da alcuni spunti di riflessione offerti dalla lettura del brano “Davanti alla legge” di Franz Kafka, rappresenta  l’occasione per riflettere sullo stato di salute attuale della giustizia penale in Italia, con uno sguardo sia al passato, sia al futuro, anche alla luce delle recenti innovazioni legate all’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

Per partecipare è richiesta l’iscrizione all’evento sul sito web del Teatro Stabile del Veneto.

Organizzati per la cittadinanza in occasione delle celebrazioni per l’ottavo centenario dell’Ateneo, gli incontri del ciclo Lezioni sulla libertà si svolgono la domenica mattina nel mese di marzo al Teatro Verdi.

Paola Severino è presidente della Scuola Nazionale dell’Amministrazione, professoressa emerita di Diritto penale e vice presidente della Luiss Guido Carli, avendo in precedenza ricoperto la carica di rettrice dell’Ateneo e, prima ancora, il ruolo di prorettrice vicaria. È co-presidente del Comitato scientifico e rappresentante dei Cittadini italiani per la Conferenza sul futuro dell’Europa. Ricopre altresì il ruolo di presidente del Supervisory board del PNRR istituito presso il MUR. Dal 2016 fa parte del Consiglio dell’Ordine “Al merito della Repubblica Italiana” ed è stata insignita dell’onorificenza di Cavaliere di Gran Croce. A marzo 2019 è stata nominata Chevalier de la Légion d’Honneur. A giugno 2018 le è stata conferita dall’Università di Glasgow la laurea honoris causa in Law. È stata rappresentante speciale della presidenza OSCE per la lotta alla corruzione da gennaio 2018 a dicembre 2020, ministra della Giustizia nel governo Monti e vicepresidente del Consiglio superiore della Magistratura militare dal 1997 al 2001. Iscritta all’Albo degli Avvocati dal 1977, è avvocata cassazionista.