Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.
16 Novembre 2022 17:00 Esporta in Calendario

Aula Nievo a Palazzo del Bo

Via 8 Febbraio, 2
Padova, Pd 35122 Italia

Esporta la mappa

Programma

Novembre 16 @ 17:00

Nell’ambito della mostra L’occhio in gioco e del palinsesto per le celebrazioni per gli 800 anni dell’Università di Padova, l’artista Marina Apollonio discute il suo lavoro con i curatori della mostra, in un evento aperto al pubblico.
L’incontro si tiene nell’Aula Nievo di Palazzo del Bo, proprio di fronte a una sua Dinamica circolare che raggiunge una spettacolare dimensione d’ambiente, “Spazio ad Attivazione Cinetica 68“.

A partire dagli anni Sessanta, Marina Apollonio ha prodotto alcune tra le opere più caratterizzanti l’arte ottico-cinetica. La sua ricerca artistica è incentrata sui risvolti percettivi che determinate forme geometriche, consapevolmente “programmate”, provocano sullo spettatore, il quale diventa così parte attiva dell’opera.
Tale orientamento spinge l’artista a una piena ripresa di “controllo” sul fare artistico, affidato ora a un linguaggio logico-matematico di stampo razionalista ripreso dalle avanguardie neoplastiche del periodo prebellico, in particolare dal Bauhaus. Tuttavia, nei suoi lavori Apollonio non manca di lasciare un certo margine di operatività anche alla componente emotiva.
Infatti, grazie allo sfruttamento dei meccanismi sottesi ai principi della Gestalt, oltre a essere catturata dal rigore della composizione, la persona fruitrice dell’opera è investita allo stesso tempo da un vago senso di vertigine e smarrimento. L’artista, dunque, perviene a una sorta di sintesi a priori fra “ragione e sentimento” in nome di una salutare unità funzionale.

Il lavoro di Marina Apollonio sta ora conoscendo una rinnovata attenzione da parte del pubblico internazionale. È attualmente protagonista alla mostra internazionale della Biennale di Venezia; le sue opere si possono ammirare a Padova proprio nella mostra L’occhio in gioco e, come evento collaterale a questa, nel Cortile Antico di Palazzo Bo.

Per partecipare all’evento è richiesta la prenotazione online.